Roma e la sua peste morale e civile

Roma è avvolta da una peste civile e morale, un disfacimento che manifesta i suoi maggiori sintomi nei servizi pubblici e nella qualità della vita urbana, alla quale non può sfuggire nessuno.

Come nel celebre, illuminante e ancor attuale racconto "La maschera della Morte Rossa" di E.A. Poe, anche chi si illude di potervi sfuggire rifugiandosi e richiudendosi tra le proprie ricchezze, in lussuosi appartamenti di prestigiosi quartieri, scoprirà amaramente e tragicamente che questa peste è già nel suo quartiere, alle porte della sua casa, se non già dentro di lui stesso.

"E il buio, il disfacimento, la Morte Rossa, dominarono indisturbati su tutto", o se preferite in un'altra traduzione e sostituendo "Morte Rossa" con "morte civile":

"E le tenebre, la rovina e la morte civile stabilirono su ogni cosa il loro eterno dominio" ...appunto ...nella città eterna.

 

L'antitodo?

Roma città aperta ... alla civiltà e alla sostenibilità.

Una rinascita civile che anteponga il bene comune agli interessi particolari, perché gli unici che possono salvare Roma sono i suoi cittadini. Una città in fondo è l'immagine e l'espressione della sua storia, ma a disegnarne il futuro sono i suoi cittadini nel presente.

I punti o le parole chiave per una rinascita?

Civiltà, vivibilità, decoro, sicurezza, sostenibilità

e riducendo:

Civiltà, vivibilità, sostenibilità

Scrivi commento

Commenti: 0