Roma tra il TPL e il TPR

La questione del TPL di Roma, tanto più trattandosi di una capitale, va vista nel contesto regionale ed extra-regionale a motivo dei consistenti flussi di traffico veicolare in entrata e uscita dalle autostrade e dalle consolari come anche a motivo dei considerevoli flussi pendolari sulle linee ferroviarie regionali e sulle linee bus extraurbane.

Fondamentale è pertanto la massima efficienza e sviluppo dell'integrazione e dello scambio tra il TPL e il TPR non solo sulle linee radiali ma anche con linee di raccordo trasversale e periferico per alleggerire il carico sui nodi centrali di scambio come Termini.

Se ci vogliamo accontentare del tram da Largo Preneste a Largo Corrado Ricci o del raggiungimento della metro C al Colosseo, con notevoli ritardi, vorrà dire che restiamo romani ma non diventeremo mai europei. Il respiro del TP con il contesto regionale non mi sembra adeguatamente affrontato in vista anche delle sue relazioni con la trascurata risorsa economica del Turismo.

Le linee metro A e B, tutte radiali, scambiano centralmente solo a Termini mentre per la metro C oltre a San Giovanni e al Colosseo non vi è certezza di uno scambio più a Nord e più periferico con la metro A e con le ferrovie regionali FL1 e FL3.

A sud-est le ferrovie regionali FL4 e FL6 hanno in comune il nodo di Ciampino che non viene raggiunto neanche progettualmente da nessuna linea tangenziale su ferro quando fondamentale sarebbe in questo caso un collegamento su ferro tra la metro C, Tor Vergata, Anagnina e Ciampino. Un residente di Tor Bella Monaca che voglia raggiungere una località dei Castelli Romani come Frascati, Castel Gandolfo, Albano Laziale o passa per il nodo centrale di Termini allungando notevolmente percorso e tempi o si affida a precari bus come il 20 express per l'Anagnina e poi il 515 per Ciampino ...della serie chi l'ha visto. Un capolavoro!

A tal proposito è inaccettabile che la progettualità del TP in quel quadrante resti ostaggio delle nebulose sorti della Roma Giardinetti per via dell'indecente livello di collaborazione istituzionale e di integrazione progettuale tra il comune e la regione nello scenario tutto italiano nel quale i temi dell'ambiente, della vivibilità e del TP (che quando presenti nei programmi politici dei partiti rischiano di diventare come i fiori ornamentali nel vaso, belli ma privi di radici) sono all'ultimo posto dell'agenda politica e del dibattito elettorale tutto esclusivamente incentrato sull'economia, il fisco, il bollo auto, la legittima difesa e gli immigrati.

A questo punto, per la Roma-Giardinetti, considerata la morte annunciata, non sarebbe preferibile e più realistico il suo completo smantellamento e puntare, con il passaggio di proprietà al comune della sola sede ferroviaria, alla sua trasformazione in tramvia che preveda però almeno uno scambio con la metro C a Parco di Centocelle e raggiunga Termini con un binario compenetrato, regolato semaforicamente, in vista di possibili prolungamenti e connessioni alla rete tramviaria? Nel PUMS c'è la mia proposta di prolungamento in versione stadtbahn della ferrovia Roma-Giardinetti che ovviamente non ha raccolto nessun voto a riprova di essere solo un mio sogno.

Per la metro C non si potrebbe pensare a una deviazione C1, come per la metro B, che raggiunga Tor Vergata, Anagnina (3° ipotetico scambio con la metro A) e Ciampino FS?

A nord, causa la mancata chiusura dell'anello ferroviario, non abbiamo nessun collegamento trasversale tra la FL3, la Roma Nord e la FL1. C'è da notare come l'unica funzione di raccordo su ferro a Roma è svolta dalle FL1 e FL3, ma a livello semicentrale e non periferico, oltretutto approssimativo e incompleto tra Roma Tuscolana e Ponte Lungo della metro A con 500 metri da percorrere a piedi, privi di segnaletica pedonale.

A nord tra le invarianti è previsto un prolungamento sempre e comunque radiale con la funivia Battistini-Casalotti.

La mobilità a Roma pensata per il TP non può avvitarsi e rinchiudersi solo nella dimensione urbana, c'è la necessità di integrarla in quella regionale.

Scrivi commento

Commenti: 0